• I contenuti presenti in questo Forum sono perlopiù frutto di opinioni ed esperienze personali, condivise tra automobilisti, e devono quindi essere prese come tali.

    Sei sempre e comunque invitato ad informarti ulteriormente, tramite canali ufficiali per esempio, e/o di rivolgerti ad un professionista del mestiere in caso di qualunque necessità!

  • La registrazione al forum è momentaneamente chiusa.

Scandalo Dieselgate, software truccato, emissioni fuori norma

Pike

Utente Avanzato
Autore di Tutorial
Auto
Panda 169 1.2 Nat. Power 2008
Vista la tua preparazione tecnica ti chiedo quali scenari immagini se il diesel non riuscirà a superare l'euro 7? Esiste un limite tecnico dell'invenzione del caro Rudolf dal punto di vista delle emissioni?
Denso sembra pubblicizzare un altro passo avanti nel motore a combustione spontanea.
https://www.denso.com/it/it/innovation/story/i-art/
Un sensore di pressione integrato nell'iniettore (che diventa ancora più costoso) in grado di misurare le fluttuazioni della pressione nel rail (ormai un monotubo) e di aumentare ancora la velocità e la precisione di funzionamento del'iniettore stesso.
Il progetto è stato avviato con l'idea di renderlo da subito comptibile con il biocarburante (saggia mossa) e secondo quanto dichiarato, l'automobile in prova (un pickup Toyota) è in grado di arrivare agli standard di inquinamento PROCONVE L6 senza l'uso di un DPF (cioè filtro antiparticolato senza sostanze additive).

Per la mia testa bacata la spiegazione è semplice... L'inserimento di iniezioni pilotate ha consentito di ridurre rumorosità e ruvidità di erogazione nei diesel nate all'epoca dell'iniezione diretta, aumentando in modo imbarazzante la potenza per litro ottenibile dal motore.
Il primo JTD Fiat aveva circa 100cv ed era un 1.9 Euro 2. La bestia più cattiva Biturbo fatta da FPT tira 190 cv in Euro5.
Più pressione, più potenza, più iniezioni. E più particolato, oltre che NOx. Mazda ha affrontato il problema in modo diverso, producendo una gamma di motori (SkyActive) con un rapporto di compressione inferiore alla media e con l'obiettivo di ridurre sul nascere i punti dove si formano fuliggine e Nox; secondo quanto dichiarato alla stampa, il 2.2 ed il 1.5 di Mazda non usano gli stessi filtri degli altri costruttori, lungo la linea di scarico, ma (ancora una volta) un doppio EGR ed un raffreddamento dello stesso.

L'approccio di Denso è concettualmente semplice: più precisa ed efficace è la dosatura del combustibile in camera di scoppio, più possiamo controllare in modo efficace la combustione, riducendo la formazione di inquinanti "inutili". Se già sta andando male, non aggiungiamo troppo carburante che non genererà in modo sbagliato pressione e fuliggine, quindi NOx. Attendiamo la combustione successiva, ammorbidiamo l'erogazione del motore, non tiramo per il collo la potenza.
Difficile è sviluppare un prodotto in grado di attuare questa idea, capire cosa sta succedendo nel motore e quindi intervenire in modo efficace.

Attualmente stampa ed opinione pubblica vogliono uccidere il motore a scoppio. Ci vorrà ancora molto tempo.. anche se sono contento che elettrico ed ibrido, oltre che l'uso intelligente dei gas, stia avanzando.
 
Alto Basso