• I contenuti presenti in questo Forum sono perlopiù frutto di opinioni ed esperienze personali, condivise tra automobilisti, e devono quindi essere prese come tali.

    Sei sempre e comunque invitato ad informarti ulteriormente, tramite altri canali, e di rivolgerti ad un professionista in caso di qualunque necessità!

  • La registrazione al forum è chiusa.

R33 BlueDiesel: un carburante per motori endotermici.

Pike

Utente Avanzato
Autore di Tutorial
Auto
Panda 169 1.2 Nat. Power 2008
Ok, pomposo il titolo.
VW ha di recente annunciato il termine di test durati nove mesi di questo nuovo carburante destinato ai motori "Diesel", cioè ad accensione spontanea (per compressione ed autocombustione, al contrario delle candele che comandano l'accensione allo scoccare della scintilla).
VW è uno dei pezzi del consorzio... In mezzo ci sono Shell Global Solutions, Tecosol, Neste, università di Coburgo.
http://www.hdmotori.it/2018/11/30/volkswagen-r33-bluediesel-gasolio-rinnovabile-test/
https://www.greencarcongress.com/2018/11/20181130-r33.html
L'idea non è di VW, ma di Neste, compagnia petrolifera finlandese a maggioranza nazionalizzata, che ha fatto una miscela di tre elementi...
Il primo è NExBTL, gasolio rinnovabile di progettazione della compagnia, a base di olio di palma, colza, grassi alimentari di scarto; alla nascita del progetto l'olio di palma costituiva la maggior parte della materia prima di questo "gasolio". Una nota interessante per @terzimiky: sostengono che il processo BTL sia simile al GTL, cioè.. Fischer-Tropsch. NExBTL arriva al 26% della miscela
Il secondo è il biodiesel, conosciuto fuori dall'italia con l'acronimo FAME. In sintesi, grazie ad un alcool (metanolo) i grassi vengono convertiti in esteri (il processo è chiamata transesterificazione) rendendo quindi un grasso in grado di essere usato come un gasolio. Il peso nella miscela è lo stesso che viene tutt'ora aggregato al gasolio tradizionale, il 7%.
Il restante è gasolio fossile, circa il 67%.

Oltre al riciclaggio di rifiuti alimentari per produrre energia e carburante (sana attività che li sposta dai biodigestori e dalle acque a fare qualcosa di interessante), è stato dichiarato che la produzione di CO2 con questo carburante è stata del 20% inferiore rispetto al gasolio tradizionale (sarebbe carino capire se si riferiscono al D7 in commercio o al D0 ovvero gasolio puro...)
Non esplicitamente indicato negli articoli, l'obiettivo della sperimentazione: immettere sul mercato questo carburante in alternativa al diesel come inseribile in tutti i veicoli. Nelle immagini pubblicitarie, è indicata la norma EN590, la stessa che definisce la tipologia di sostanza da mettere nel motore diesel e che viene chiamata gasolio.

VW nell'impianto di Wolfsburg si approvvigionerà solo di questo carburante, d'ora in poi. Il prossimo stabilimento ad avviare il test sarà quello in Bassa Sassonia, a Salzgitter.

Vorrei che usassimo questo topic per aggiungere dettagli e notizie. Non so se questa mossa made in VAG potrà aiutarli a ritardare la morte del motore diesel (dove nonostante tutto hanno asset pesantissimi come tecnologia e posizioni sul mercato), ma... credo che questa manovra a loro possa costare meno di inserire AdBlue e catalizzatori più potenti nei prossimi anni... Oltre che rispettare con meno ibrido i parametri di CO2
 
Ultima modifica:

terzimiky

Moderatore
Membro dello Staff
Utente Avanzato
Autore di Tutorial
Specializzato
Auto
Bravo 1.4 16v 2009 (192B2000) 90cv - Punto mk2b 1.2 8v 60cv - 2006
In sostanza stanno cercando di proseguire sulla strada intrapresa da Shell più di quarant'anni or sono e cioè quella di utilizzare un processo chimico, per eliminare il più possibile l'utilizzo di carburanti di derivazione fossile.
Considerando che ci sono voluti diversi decenni per far si che l'OMS potesse dichiarare con certezza che i fumi del gasolio provocano il tumore, se ne deduce che andando a ritoccarne la "miscela" non è cosa per chiunque.
La Shell sa benissimo che poi finirà anche la cuccagna del petrolio, ragion per cui ha preso in mano il destino del gas naturale, trasformandolo in olio e soprattutto carburante, privi delle impurità tipiche dei prodotti di derivazione fossile, motivo per cui si è lanciata in questo esperimento, dato che è la regina del sistema Fischer-Tropsch.
Ora la cosa più importante è che questa sperimentazione, sia fatta sotto il controllo di aziende che ne hanno il totale controllo sui parametri del combusto (e non da privati cittadini che si limitando a buttare olio fritto nel gasolio) onde evitare che ci si mettano ancora troppi anni per scoprire che poi anche questo, faccia ancora male alla salute.
 
Auto
Fiat tipo easy 5 porte 1.4 95 cv 2016
parere mio personalissimo, questa chiamiamola sperimentazione fatta da parte di chi(vw)ha dato il colpo di grazia al diesel con il dieselgate lo trovo anacronistico.... vogliono vendere il pesce quando è ancora in mare che nuota e da pescare.
 

Pike

Utente Avanzato
Autore di Tutorial
Auto
Panda 169 1.2 Nat. Power 2008
La miscela è "nuova". Non il prodotto di Neste. Nè l'uso di carburanti alternativi nelle flotte, bisogna vedere se arriveranno o no sul mercato. VW credo stia tentando ogni possibile mossa per dimostrarsi anti-inquinamento, ma in ogni caso... non è il tema del topic.

Qui si parla di R33 :)
 
Alto Basso