• I contenuti presenti in questo Forum sono perlopiù frutto di opinioni ed esperienze personali, condivise tra automobilisti, e devono quindi essere prese come tali.

    Sei sempre e comunque invitato ad informarti ulteriormente, tramite altri canali, e di rivolgerti ad un professionista in caso di qualunque necessità!

  • La registrazione al forum è chiusa.

Dahiatsu Terios II - Esperienza di manutenzione

Pike

Utente Avanzato
Autore di Tutorial
Auto
Panda 169 1.2 Nat. Power 2008
La piccola casa giapponese ormai da 5 anni non è più in Europa con i suoi modelli, almeno per il nuovo.
Ma ha una storia piuttosto lunga (secondo Wikipedia è il più antico costruttore di auto giapponese) e la partnership con Toyota (di cui ora fa parte) ha segnato la storia degli ultimi 50 anni.

Per diversi motivi, un amico di mio padre è proprietario di due scatolette con questo nome, e venerdì pomeriggio, dopo aver alla mattina cambiato i bracci della Panda, sono stati oggetto di cure dopo anni di scarsa manutenzione. Ho cercato di dare una mano io in quanto il suddetto papà oltre che essere un Anta inizia ad andare verso il 7...
Inoltre, vista la "fretta" di operare, la scarsa conoscenza dei mezzi e l'obiettivo di andare diretti al sodo, niente foto. Spero che questo piccolo racconto vi possa... intrattere per qualche minuto.

Partiamo dalla meno convenzionale, una Terios II 4x4 1.5 105cv (sul 4x4 non ci giurerei però...)
L'auto è del 2008, ha attorno ai 20.000km (non sono salito a bordo e non l'ho rilevato di persona) e potrei fare la figura del fenomeno ma... il meccanico secondo me manco l'ha visto una volta, anche se non posso esserne sicuro (ragionando con il senno di poi, forse una sì. La cinghia servizi non era nuova, ma difficilmente poteva aver avuto 10 anni). Meno convenzionale perchè per farne un vero fuoristrada l'auto nonostante le dimensioni relativamente compatte ha un motore longitudinale, invece che trasversale, e questo cambia le carte in tavola non poco se siete abituati a metterci le mani.
Inoltre, tra protezione aereodinamica e antisassi e la meccanica, accedere alla zona vano motore è piuttosto arduo dal "piano di sotto". La grembialatura aereodinamica è però studiata piuttosto bene: è infatti possibile accedere al bullone di scarico olio senza smontarla oltre che essere fissata con un numero piuttosto alto di bulloni del 10.
Il modello in oggetto è stato oggetto dell'installazione di un impianto GPL, per tutelare le sedi valvola è stato installato tragli accessori un kit FlashLube, di cui il serbatoio
Bullone dello scarico olio perfettamente parallelo al terreno che è stato uno shock. Dopo averlo allentato con un cricchetto da 1/2 pollice ed una chiave del 14, era... burro, perfettamente svitabile con due dita, a zero sforzo, è uscito dalla coppa con una naturalezza aliena.
L'auto ha cominciato a colare tutto il suo contenuto (circa 3.lt di lubrificante per il motore) con pignola regolarità, al punto che dopo qualche decina di minuti di tappo aperto è stato chiaramente avvertito un suono di ulteriore svuotamento/risucchio d'aria mentre colava regolarmente un olio ben fluido.
La lite è stata con il filtro olio, purtroppo in posizione.. atroce.
Intanto è impossibile arrivarci da sotto o da fianco al'auto, è accessibile solo da sopra. E' sul lato sinistro dell'auto, considerando il fronte marcia, ravvicinato allo scarico (grrr), e con un percorso irto di ostacoli per essere raggiunto.
Dal davanti non c'è spazio, la cinghia servizi ed il radiatore ne impediscono il passaggio. Da sopra il tubo del filtro aria, la tubatura ed il serbatoio del servosterzo (con un sensore e relativo cablaggio) sono l'impedimendo verso il frontale, verso il parafiamma è la doppia tubatura del compressore A/C ad essere il mal di stomaco di base.
Vincere la resa del filtro non ci è stato possibile con i nostri strumenti, siamo dovuti ricorrere ad una chiave a tazza regolabile in prestito, fatta più o meno così
aimages_na.ssl_images_amazon.com_images_I_41qReCbCgpL.jpg

(bullone da 21 piatto, non con attacco concavo ed alto come questo)
Già rabberciata con il saldatore, e personalmente la ritengo una corazzata Kotiomkin (citazione de Il secondo tragico Fantozzi, anche se nel doppiaggio è ritornata ad essere Potemkin) più che altro perchè per quanto possa essere efficace, è instabile ed impefetto nel serraggio. Se decidete di mettere le mani sul filtro comprate subito la chiave a tazza corretta (più eventuali adattatori al vostro materiale) e scegliete sempre il tipo di filtro compatibile con la vostra chiave.
E' stato tentato anche di usare questo simpatico aggeggio per il fissaggio, per fortuna... si è tornati al serraggio a mano (con tutte le invocazioni a Cthuluh per aver precaricato un po' il filtro ed averlo leggermente unto sull'esterno).
Sì, il filtro aria è stato ispezionato. Bellissimo e molto pulito, oltre che con guarnizioni in ottimo stato.
Il fill del motore è stato relativamente facile... il tappo è bene in vista, l'immissione con un imbuto è stata rapida e 3lt (2,75 per la precisione) di 5W30 Total Synthetic (viscosità in accordo con il LUM, che riporta solo specifiche API SH come richiesta...) sono entrati in pancia al motore.

Un buffetto, è uscita dalla zona lavori ed è stata sostituita (1h e passa dopo) dalla Sirion.
(continua nel topic apposito)
 
Alto Basso