• I contenuti presenti in questo Forum sono perlopiù frutto di opinioni ed esperienze personali, condivise tra automobilisti, e devono quindi essere prese come tali.

    Sei sempre e comunque invitato ad informarti ulteriormente, tramite altri canali, e di rivolgerti ad un professionista in caso di qualunque necessità!

  • La registrazione al forum è chiusa.

C3 1.4 KFT GPL Cambio candele / cambio bobina

Pike

Utente Avanzato
Autore di Tutorial
Auto
Panda 169 1.2 Nat. Power 2008
Disclaimer. Preparatevi perchè ve ne saranno parecchi...
  1. La procedura illustrata è stata fatta su una C3 2010 1.4 benzina/GPL dalla fabbrica, ma può essere applicata a molti motori 4 cilindri TUx di PSA, a partire dalla "vecchia" C3 sino a C2, DS3, 207, 208 purchè non turbo o con motore TU (1.1, 1.4) 8 valvole.
  2. I passi per accedere alle candele sono gli stessi che occorrono per smontare il kit bobine (ricambio unico in questa generazione di motori).
  3. La procedura non è pericolosa, ma è laboriosa, lunga ed è possibile commettere errori stupidi ma noiosi (perdere un attrezzo nel vano motore) oppure noiosi ma complessi e potenzialmente problematici, come rompere uno dei connettori di fissaggio del cablaggio elettrico.
    Se avete fretta non cominciate il lavoro, prendetevi ogni minuto utile e non siate con il timer che ticchetta la prima volta. Specialmente se avete la versione a GPL come quella di questo tutorial. Ci vuole un'oretta circa, meglio averne 1,5 a disposizione.
  4. Le attrezzature sono fondamentali per evitare fesserie clamorose.
    E' necessario che la chiave che usiate sia dotata di anello di ritenzione candela in gomma o dovreste essere pronti con strumenti alternativi (un tubo di plastica del corretto diametro e serraggio) per "allungare" la sezione ceramica della candela ed impuntarla a mano.
    E' inoltre importante che sia snodata, o ancora che possiate prolungare l'eventuale inserto del vostro sistema combinato. Noi abbiamo usato una chiave lunga a stelo, con guarnizione di ritenuta e snodata, non abbiamo avuto problemi, se non "accedere" tra i collettori ed i tubi del GPL.
  5. Sappiate prima di cominciare quali sono le candele giuste. Ho smontato delle NGK BKR6EZ e ho montato delle Bosch FR6KI332 ma avevo verificato sul sito del produttore della candela quali fossero le candele adatte per auto, motore, carburante. Una candela per uso benzina probabilmente funzionerà correttamente anche a GPL, ma non è garantito, il contrario invece di solito accade.
  6. Verranno evidenziate alcune attrezzature e manovre "esclusive" per la sezione GPL. Leggetele lo stesso, vi aiuteranno. I riferimenti sono per l'impianto a GPL fornito di serie da Citroen/Peugeot, se il vostro è Aftermarket magari non è la stessa cosa...
  7. Prendetevi il vostro tempo, scattate le foto, lavorate con calma.
  8. Leggete per intero il tutorial prima di cominciare, ve lo consiglio caldamente.
Materiale ed attrezzature necessarie:
  • Per GPL: cacciavite/cricchetto con inserto T30 (Torx)
  • Per GPL: chiave aperta del 10
  • Per GPL, opzionali: 2 bulloni passo MA6 ed un pezzo di spago da 50-100cm
  • Chiave (meglio a cricchetto) del 10
  • Pinze a becco lungo e sottile
  • Cacciavite a taglio non troppo ingombrante
  • Pezzo di carta o piccolo straccio per tappare un buco di diametro attorno a 1cm circa, integro e non troppo sporco
  • Straccio chiaro per catturare eventuali viti o utensili caduti
  • Opzionale: fascetta elettrica e tronchesi o forbice
  • Opzionale: chiave a tubo o a cricchetto del 8
  • Opzionale: detergente freni o per metalli
Cominciamo dal... Teatro di operazioni.
01_TeatroOperazioni.jpg

In questa immagine ho evidenziato tutti i punti dove dovrete intervenire.
In blu, le uniche viti da allentare.
In verde, i connettori elettrici e del tubo da sganciare.
In rosso, gli elementi relativi all'impianto a GPL da considerare.

Ed è da qui che cominciamo, dalle sezioni in rosso.
In realtà non è strettamente necessario smontarlo, ma semplifica notevolmente lo smontare un connettore ed allontanare il cablaggio dalla bobina, quindi vi consiglio di farlo.
E parto da una sezione opzionale: i bulloni a passo MA6 e lo spago: sopra alla barra che collega il tubo GPL agli iniettori ci sono 2 fori filettati dove potete inserire i bulloni, avvitati per 3-4mm ed usare questi due come "sostegni" per tenere l'assemblato degli iniettori fuori dai piedi, fissandolo con lo spago alle racchette tergicristallo. Potrebbe risparmiarvi un bel po' di tempo e di fastidi, se resta mobile ma non "addosso" al kit bobine.
Sulla sinistra è presente un bullone + dato flangiato con zigrinatura, entrambi del 10. Se riuscite a guadagnare spazio a sufficienza, viene comodo tenere il cricchetto verso l'anteriore dell'auto e la chiave aperta dietro, ma fate come più ritenete opportuno. E' facilissimo farlo cadere all'interno del cofano, vedete voi se mettere prima lo straccio al di sotto dello stesso.
Sulla destra, invece, le due viti T30. E prima di svitarle, vi chiedo di controllare il fissaggio del filtro aria. Quale? Questo.
1577388392837.png

E' un semplice perno di plastica che si deve ruotare di 90° per smontarlo, ma nella C3 su cui ho lavorato non era presente. E se non è presente nemmeno nella vostra assicuratevi di tirare un po' verso di voi il filtro aria tramite il tubo che va verso il CF e serrare il meglio possibile il filtro alla staffa, in modo tale che non si allenti troppo all'indietro dopo aver svitato le viti T30.

Una volta tolti i 3 fissaggi del RAIL GPL, comincia la sezione "per tutti" del tutorial.
Per primi scollegate i due agganci del tubo vapori olio che arrivano sul tubo del filtro aria (estrema DX) e sopra al coperchio valvole (circa al centro). Premete la sezione gialla per scollegarli, ma sappiate che il tubo è piuttosto rigido, quindi molta attenzione nel nuoversi.
Tappate il buco che resta aperto dal coperchio valvole con il piccolo straccio o piccolo pezzo di carta. Spostate il tubo recupero vapori e più o meno, vi ritroverete così...
02_GPLSmontanto.jpg


Ora cominciamo a scollegare da SX verso DX i vari connettori..
88_Connettore1_BulloneGPL.jpg89_Connettore1_e_Connettore2.jpg
Il primo è sul sensore colorato di marrone sulla tubazione della benzina, premete la clip metallica verso il connettore e poi fate scorrere il cavo verso destra.
Il secondo è fissato sul sensore di pressione del collettore. La sezione plastica verso di voi va premuta verso il resto del connettore, poi si sfilerà verso sinistra. Potreste avere difficoltà di accesso, nel qual caso, allentate il dado che sostiene il supporto del sensore o rimuovetelo proprio per darvi maggiore agio.
98_Vite2_NoDado.jpg
Nel riquadro, è presente anche il fissaggio delle bobine all'auto.
I tubi su cui state lavorando fanno passare materiale incendiabile o gas esplosivo, quindi... siate un minimo cauti per evitare trazioni, strappi, lesioni degli stessi.

Tolti questi due connettori resta solo il connettore grigio al centro della bobina, allargate i lembi plastici e fatelo scorrere verso l'anteriore dell'auto.
Nota bene tutti i connettori plastici possono rompersi con l'età e l'infragilimento, specie se l'auto è a bassissima temperatura. Tenetene conto.

Ora bisogna togliere dai piedi il cablaggio... e vorrei farvi notare tutti i denti di fissaggio dello stesso sulla bobina.
03_DentiFissaggioCablaggio.jpg

Sono tanti, e ROMPONO... o meglio... fissano bene tutto il cavo sulla bobina, evitando che con le vibrazioni vada a passeggio e si rovini. E' molto intuitivo toglierle il cavo dai fermi, ma siate... gentili, ed attenti al percorso che fa, aiutandone l'uscita con delicatezza e senza tirare.
Prima di togliere del tutto il cavo dovrete allentare il dado del collegamento a massa che è presente sul lato destro della bobina.
97_Vite1_ConDado.jpg
ed in questo modo avrete spostato il grosso degli impicci.

Procedete a svitare i bulloni doppi che fissano la bobina alla testata del motore
1577389276411.png

Il bullone infatti è a doppia filettatura. Avrete allentato un dado per rimuovere il cablaggio di massa e il sensore benzina, ma c'è da svitare l'intero bullone per togliere le bobine.
Nel mio caso, i dadi erano di tipo diverso ed ho cercato di tenerli associati.

E' quindi arrivato il momento di... rimuovere le bobine.
Ecco il loro aspetto...
1577389399026.png

La parte inclinata verso le candele è rivolta verso il fronte dell'auto, vi basterà tirare verso l'alto e avanti dell'auto per poterle sganciate dal loro alloggiamento e portarle verso di voi.
Messaggio doppio unito:

Veniamo ad un punto completamente opzionale: la pulizia del sensore. Lo si può fare ora, senza le bobine in mezzo ai piedi e con le candele vecchie, o dopo averle sostituite, cambia poco.
99_SensorePressione.jpg

L'unica cosa che tiene fissato il sensore al collettore è una vite con bullone da 8, fissato su plastica.
Se volete maggiore agio per operare, c'è il terzo connettore del tubo recupero vapori olio sulla immediata DX, mentre è stato evidenziato a SX il punto di fissaggio del bullone del supporto GPL.
E' semplice smontare, svitando il bullone (ed evitando che cada) tirando verso di sè il sensore.
C'è un o-ring installato che fa tenuta quindi farà leggera resistenza, ma siate lo stesso delicati. Il nostro non era sporco, una leggera spruzzata di detergente freni l'ha pulito dai residui oleosi, quindi abbiamo atteso durante il cambio che si asciugasse prima di reinserlirlo.
Inoltre, essendo una vite per plastica, premete bene in fondo il sensore, prima di avvitare e serrate molto, molto poco. Rischiate di rovinare il filetto e che il sensore non resti più in posizione.

E' ora delle candele...
Io non vi ho detto prima di pre-prepararle e controllarle ben bene, ma è un momento buono come un altro per farlo, controllando che il gap sia corretto (ho smontato candele da 0,9 e montato candele da 0,7 seguendo le indicazioni del costruttore della candela) e mettendo una goccia d'olio sul filetto della nuova candela.
Come detto da molti altri: partite da un lato e fatene una per volta.
Se avete la pazienza già un po' usurata, cominciate da vicino al filtro aria, ma se siete in forma, cominciate dal lato del sensore marrone, l'ho trovato decisamente il più ostico. Il serraggio che ho trovato riportato su tutti i prodotti per questo motore è da 28nm, o 90° in alternativa una volta finito di avvitare a mano il tutto, ma verificate sempre prima di cominciare se vale anche per il vostro motore/auto.
Ricordatevi che la testata è di alluminio, quindi non esagerate se non volete rovinarvi il motore. E siate pignoli nell'avvitare la candela: se non si avvita fluida, invertite il senso di rotazione sino a sentire il dente cadere, quindi ricominciate. Non forzate per nessun motivo.

Terminato il cambio candele, è ora di rimontare il kit bobine. Nuovo se è ora di sostituirlo, oppure il vostro precedente se non aveva problemi. Non andrà dentro "liscio", dovrete centrare ben 4 candele in un sol colpo quindi prendetevi il vostro tempo. La resistenza che deve fare è minima e deve scendere in modo unico, sino a posizionarsi sul suo alloggiamento.
Una volta posizionato, avvitate senza serrare i bulloni a doppio filamento, sino ad assicurarvi che sia bene appoggiato sulla testata. Essendo in alluminio, il serraggio deve consentire al pezzo di non muoversi e vibrare, ma non serrate troppo forte.
E' ora di riassemblare tutto.
Messaggio doppio unito:

Si comincia dal cablaggio, riposizionando da DX a SX tutti gli elementi.
Prima il fissaggio del contatto di massa con il dado sopra al bulloncino che fissa la bobina (senza serrarlo)
Poi incastrare attentamente il cablaggio nei fermi sulla bobina stessa, sino ad arrivare al connettore di comando della bobina (grigio). Spingetelo in sede, lasciategli fare clack, proseguite lungo la bobina verso SX prima fissando il cablaggio, poi innestando il connettore.
Quindi il sensore di pressione del collettore d'aspirazione.
Infine il sensore marrone sul tubo benzina.
Assicuratevi che il cavo sia bene in sede, che possa muoversi liberamente senza poter uscire dalle graffe predisposte. Meglio due minuti in più per stenderlo senza tensioni dello stesso che fare in fretta.

Se avete l'auto a benzina proseguite ora da SX verso DX con il tubo di recupero vapori olio. Prima di fianco al sensore della pressione, quindi sul coperchio valvole (togliete il tappo in carta/stoffa) quindi verso il tubo che va dal filtro aria sino al corpo farfallato.
Verificate il serraggio dei dadi che fermano il contatto di massa (a DX) ed il sensore marrone (a SX). Et voilà. Lavoro finito.

Ma se avete l'auto a GPL... In base a quanto siete ammattiti per svitare le viti Torx, avete due opzioni, dopo aver fissato i cavi:

La prima è di collegare il tubo recupero vapori olio come se aveste l'auto a benzina, quindi procedere prima al fissaggio delle torx, quindi al bulloncino.

La seconda è quella di lasciare il tubo vapori scollegato per avere un maggiore margine di movimento.

Non dimenticate che entrambi i fissaggi dipendono dalla posizione del tubo plastico che parte dal filtro aria e va verso il corpo farfallato. Se non si fissano correttamente, aggiustatelo un po' tirando verso di voi, in modo tale che piastra GPL, staffa motore e fissaggi sul filtro aria siano allineati. Se è correttamente fissato il filtro stesso alla staffa lato motore, avrete meno difficoltà.

Il serraggio delle Torx è fatto su un filetto di ottone, quindi fermi ma senza esagerare.
Il serraggio del bullone è fatto schiacciando tra di loro una piastra metallica ed il collettore d'aspirazione che è plastico. Anche qui serrare senza esagerare.
Se tutto è andato a buon fine, dovreste poter mettere in moto il motore.


Dopo qualche giorno, ispezionate i fissaggi della staffa GPL e delle bobine. Non si sa mai...
Messaggio doppio unito:

Scusate se ho scordato l'ovvio... se avete fissato più in alto il rail GPL con bulloni e corda, è meglio liberarli prima di ricominciare a fissare la piastra GPL al collettore di aspirazione, o sfruttare lo spago per poter bilanciare meglio la discesa del pezzo in posizione ;)
 
Ultima modifica di un moderatore:
Alto Basso