• I contenuti presenti in questo Forum sono perlopiù frutto di opinioni ed esperienze personali, condivise tra automobilisti, e devono quindi essere prese come tali.

    Sei sempre e comunque invitato ad informarti ulteriormente, tramite altri canali, e di rivolgerti ad un professionista in caso di qualunque necessità!

  • La registrazione al forum è chiusa.

Auto a carburatore

Pike

Utente Avanzato
Autore di Tutorial
Auto
Panda 169 1.2 Nat. Power 2008
Comunque è vero: che si siano fatti passi da gigante è un dato di fatto. Il voler guidare auto a carburatore può essere principalmente un fattore "feticistico": io ad esempio, preferisco i TV a tubo catodico e ascolto ancora la radio con apparecchi radio a valvole a partire dagli anni 30 fino agli anni 50, hanno il loro fascino e anche i loro punti di forza, ma in rapporto a quanto "dovrebbero fare" (ovvero ricevere stazioni) qualsiasi apparecchio moderno è superiore!
Chi guida auto a carburatore e le preferisce alle moderne (come il sottoscritto) sa come gestirle e come comportarsi in caso di problemi... c'è comunque da dire che un Fire a carburatore non sarà difficile da carburare tanto quanto un motore più complesso, magari con 2 o 4 carburatori! Parliamoci chiaro, una Uno, una Panda, la Ritmo o la stessa 127, se ci si accontenta, possono ancora svolgere tranquillamente il loro compito e so per certo che in alcune zone d'Italia le si usa ancora come auto di tutti i giorni in quanto semplici da mantenere e meccanicamente affidabili (altrettanto non si può dire della carrozzeria)
Fabio... m'hai provocato. E mo' te suono
(crick crock stutuclinc agazananienie stataclunc)

Una cosa per cui le TV a tubo catodico continuano a suonarle a tanti-matanti schermi piatti è il rapporto di contrasto. Senza MicroLED o OLED resta l'enorme vantaggio che alla TV spesso il nero è nero. Negli LCD mai.
E per quanto riguarda la riproduzione audio, fatemi citare le parole pubblicate in italiano nel 2001 di Dejan Veselinovic:
la memoria acustica è attendibile per un tempo non superiore a 15 minuti - si, avete letto bene, minuti - trascorsi i quali degenera progressivamente a memoria razionale, vale a dire al ricordo di un commento, non del suono. In pratica si tratta di confrontare un commento con una realtà sonora.
Se non lo conoscete, sappiatelo, non siete i soli. Ma per quel che vale, anche quello che è stato il suo capo, Lucio Cadeddu, la pensa allo stesso modo. Potete trovare ore di lettura su TNT-Audio dove si fanno fondamentalmente a pezzi tante supposte verità sull'alta fedeltà (audio).
Se a qualcuno "piace" ascoltare la musica in impianti valvolari, guardare vecchie videocassette in un televisore CRT vabbenissimocosì, intendiamoci.
A me piace ascoltare con una certa regolarità questo pezzo complextro di NCM
Ma nei fatti un BluRay riprodotto da un buon televisore LCD ha un livello di dettaglio che il CRT riesce a controbattere solo se lo schermo LCD è distante oltre 3 volte la diagonale. A volte guardare i contenuti 1080P su un tv dimostrativo nei centri commerciali mi dava fastidio per il troppo dettaglio... E il rosso del CRT ancora è difficilissimo da rappresentare per qualsiasi schermo piatto.
E sempre nei fatti, per fare qualcosa di sensibilmente meglio del Nobsound con due Lonpoo LP42 (100 euro in totale ora che i prezzi sono folli) implica mettere da parte almeno 300 euro per le ELAC Debut 5.2 ed un altro 3-400 euro per un amplificatore degno di questo nome, nel nuovo.
A cui aggiungere le sorgenti, intendiamoci (lettore CD, fonte streaming, quel che vi pare). E ci fermiamo allo stato solido. Se poi cominciate a pescare nei valvolari...

Anche accontandosi, una Punto 176 è insufficiente come auto da tutti i giorni. Non dico che con la Panda 141, la Uno, la Ritmo non si possa circolare, ma dopo un po' ne uscite pazzi. Per il maggiore impegno necessario per portarla a spasso alle velocità attuali, per le maggiori prestazioni che servono ora per circolare (confort, potenza frenante, efficacia frenante con fondi bruttini, basso dispendio di concentrazione alla guida).
Ci si riesce, in ogni caso. Al di là di fare necessità virtù. Per avere una guida "soddisfacente" con una auto "agée" bisogna andare su. Vogliamo restare attorno all'era della Panda?
Mercedes W201. O 190, per chi è poco appassionato di stoccarda. Lei.
640px-Mercedes-Benz_W201_front_20081128.jpg

E per quanto con un serie 100 si possa circolare... Se non si "sale" come raffinatezza e modernità di progetto, non scollatevi dal FIRE, progettato in segreto per costare poco ed avere pochi pezzi: ciò che non c'è non si può rompere e non deve essere regolato. Se il Serie 100 ha un pezzettino rotto, non è comoda cercarlo. Per carità, tutta meccanica ad eccezione dell'accensione ma signori miei... Il FIRE va più forte, ha più coppia, è più silenzioso e consuma meno. Anche con il carburatore, ed il suo tiro ingredibbile (ad alti Idrocarburi incombusti) appena s'appoggia il piede. Però ragazzi cercatevi un carburatorista, perchè se è da revisionare o tarare, sono tutti gigler vostri!


Per le carrozzerie, scusatemi... C'è uno spartiacque per FIAT.
Tutto ciò che è stato fatto prima della Tipo è ruggine su ruote in attesa di apparire. Tutto ciò che è stato fatto dopo o come la Tipo è tutt'altra pasta e merita rispetto. Ne vedo regolarmente una Euro 0 che ha il "lusso" di dormire sempre al coperto... Due puntini di ruggine attorno al parabrezza, trasparente completamente mangiato sul tetto. Per il resto, perfetta.


Che cosa rispetto dei "vecchi prodotti"? La cura costruttiva e l'obiettivo di durare nel tempo. Un nome scomparso nell'car audio (Becker) aveva due sintonizzatori separati per AM (di tipo tradizionale) e FM (di tipo moderno) perchè il tipo moderno peggiorava particolarmente la pulizia ricettiva della AM.
In breve tempo AM ed FM si spegneranno del tutto, e ci resterà solo il DAB Plus...
 
Auto
Fiat Grande Punto Natural Power, 1.4 8v, 69CV, anno 2013; Uno 60 SL 1116, 1986
@Pike per il momento mi inchino al messaggio... Per rispondere ci vorranno giorni. Unica cosa inesatta? AM non si può spegnere... FM forse sì. Per il resto mi ci vuole troppo tempo, risponderò nei prossimi giorni!!! 😉🤣🤣

Solo una cosa: se ti dicessi che la mia Uno 60 SL va più forte della Grande Punto a metano e a parità di velocità, ha regime più basso?
 

Pike

Utente Avanzato
Autore di Tutorial
Auto
Panda 169 1.2 Nat. Power 2008
Ma le pare? Non s'incomodi all'inchino, mica è necessario concordare :Woot:
 
Auto
Fiat Grande Punto Natural Power, 1.4 8v, 69CV, anno 2013; Uno 60 SL 1116, 1986
Sorvolando sull’excursus relativo alla radio, e agli oggetti d’epoca, devo dire che in linea di massima concordo: le vecchie auto a carburatore appartengono ad un’epoca ormai tramontata e utilizzarle oggi significa essere dei veri appassionati, tra i quali mi ci annovero anche io. Ho avuto la fortuna di conoscere alcuni carburatoristi molto bravi, ma devo dire che è un comune meccanico ormai storce il naso quando è ora di mettere le mani sui carburatori. C’è comunque da dire che i carburatori monocorpo montate sulle Fiat dell’epoca erano carburatori molto semplici, chiunque abbia un po’ di dimestichezza con la meccanica può tranquillamente revisionarselo in casa, i getti sono tutti i pre- calibrati, di fatto da regolare c’è poco. Discorso diverso è per il doppio corpo, come capita sulla mia uno 60 SL dell’86: in questo caso ricordo che mettere le mani su questo tipo di carburatori è risultato molto più complicato, e soprattutto se non si hanno i filtri della benzina più che a posto, spesso capita che i getti si sporchino con conseguente andamento irregolare del motore. D’altra parte le auto moderne sono probabilmente più comode e sicure, io rimango un sostenitore del carburatore solo per una questione di passione, riconosco la loro inferiorità, però devo dire che su un’auto iniezione, se si guasta la centralina sei fermo, sul carburatore se ti capita che si sporchi, con un po’ di manualità riparti e torni a casa.
 

buonsm

Utente Avanzato
Autore di Tutorial
Auto
Punto 188FL 1.2 8v 60cv 3p Actual (2005) - Peugeot 107 1.0 12v 3p Plaisir (2007)
Guarda io ti capisco perché ho una passione paragonabile, seppure di natura molto diversa: i vecchi computer. E' impensabile paragonare un VIC-20 col PC che uso quotidianamente (per quanto non sia modernissimo). Però, saltuariamente, il VIC-20 (che è solo uno fra i modelli della mia collezione) lo accendo e magari scrivo anche due righe di codice per quel piacere di salvare il file sulla cassetta e di ricaricarlo in memoria. Col metro della ragione è uno spreco di tempo, ma se una cosa piace non è mai tempo sprecato.

Tornando alle auto, è più o meno la stessa cosa: francamente non userei quotidianamente un'auto di quell'epoca, ma se ne avessi una in garage (ed è un mio obiettivo quando la mia situazione lavorativa tornerà a stabilizzarsi) il giretto domenicale "electronic-free" sarebbe quantomeno obbligatorio.
 
Auto
Fiat Grande Punto Natural Power, 1.4 8v, 69CV, anno 2013; Uno 60 SL 1116, 1986
@buonsm anche io sono appassionato di antiquariato informatico, ma per me la differenza rispetto alle auto è più marcata: un'auto di 30 anni fa comunque, svolge ancora il suo compito di portarti in giro, se è quello che cerchi. Ad oggi un vecchio PC purtroppo, può essere usato solo per determinati contesti per questione di compatibilità e di limiti tecnici. Siamo onesti: una Uno ti porta ancora in giro oggi, un 486SX farebbe fatica a fare girare Windows 95 :D

che bei ricordi, però...
 
Alto Basso