• I contenuti presenti in questo Forum sono perlopiù frutto di opinioni ed esperienze personali, condivise tra automobilisti, e devono quindi essere prese come tali.

    Sei sempre e comunque invitato ad informarti ulteriormente, tramite altri canali, e di rivolgerti ad un professionista in caso di qualunque necessità!

Acquisti su ALIEXPRESS: perché la Cina dominerà il mondo.

kekkoku

Utente Avanzato
Autore di Tutorial
Auto
Fiat Punto mk2 1.2 8V; Fiat Panda Lounge; 1.2 8v 69 CV 01/2017
Salve a tutti.
In questo periodo sto acquistando molto su ALIEXPRESS perché sto facendo parecchi lavoretti in garage e, considerate le dimensioni dello stesso (150 mq abbondanti), sto acquistando molto materiale.
Pertanto, posterò volta per volta le cosine che ho preso dai cinesi (quelli veri, in Cina, non quelli corrotti dall' italiotità in Italia), perché l' esperienza di acquisto su questa piattaforma E-Commerce si sta rivelando piu' che soddisfacente...direi, commovente!

Inizio dall' ultimo acquisto che ho fatto: puntali elettrici di diverse misure, colori e forme, singoli e a "T" doppi per due cavi uniti.

20 pacchetti in tutto per 3 misure di cavo, 10, 6 e 2,5 mmq, che sono le sezioni che sto usando per il rifacimento dell' impianto elettrico in garage, per 3 colori diversi, rosso per la fase, blu x il neutro, giallo per il cavo di messa a terra, piu una busta di puntali neri, per il cavo nero da 2,5, per il ritorno dei pulsanti dei rele' che comanderanno l' accensione\spegnimento delle plafoniere.

Il\la cinese\a che mi ha preparato la bustine di puntali che ho acquistato, tra le diverse combinazioni di colori, forma e misure, aveva 1/229 possibilità di sbagliare per ogni bustina che mi ha preparato, invece non ha sbagliato nemmeno una bustina e mi ha inviato tutto quello che ho chiesto, e se vado a contare, a campione, una qualsiasi delle 20 buste da 100 puntali che mi ha spedito, ne trovo sempre una manciata in piu'.

Commovente!

Ecco la fotina:

Puntali.jpg

Messaggio doppio unito:

Dimenticavo il prezzo ...45 euro circa, perché si passa dai meno di 2 euro delle bustine per puntali da 2,5mmq ai quasi 5 euro per quelli da 10mmq
 
Ultima modifica:
quoto in toto, purtroppo per alcuni e per fortuna di altri è così.. e devo dire che personalmente per i commercianti veri e onesti mi spiace molto, ma come disse qualcuno... questo è l'anima del commercio.. io stesso con tutto il dispiacere di questo mondo ho acquistato sul sito in oggetto 2 elm 327 vari adattatori colorati alcune bustine di connettori, ho speso poco piu' di venti euro, a fronte di una spesa di 70 euro se acquistati su ebay dai vari siti che vendono le stesse identiche cose
 
Hai centrato bene la questione, la "onestà".
Ed è questo il motivo principale per cui "La Cina dominerà il mondo".

Per 45 euri il\la cinese che mi ha preparato in modo cosi' zelante e preciso le 20 bustine di connettori in foto, senza sbagliare modello, colore e misura (io mi ero preparato a qualche errore, considerata la quantità di bustine, ma fortunatamente non c' è stato), e mi sono arrivati a casa in pochi giorni a "prezzo di fiera".
All' opposto, in Italglia, in questo stesso periodo sto "lottando" con un micragnoso, miserabile venditore italiota di IBBEI, presso il quale ho acquistato 150 di euro di merce, e me ne ha mandata altra, di tipo diverso da quello da me richiesto, che mediamente costa 60 euro in meno.

Non credo che perdero' i soldi, perché stiamo ampiamente oltre il limite della truffa, e se non dovesse risolversi la questione con la mediazione bonaria di IBBEI (che di solito funge bene) per 150 euro mi tolgo lo sfizio di chiamare questo miserabile (che tra l' altro ha pure il 100% di feed+...bah!?) nelle aule di giustizia ordinaria, che in questo caso sarebbero presso la mia residenza in Napoli, e gli faccio fare pure il turista "per forza", pero' di tempo già me ne sta facendo perdere, e il solo alone di miseria umana che mi trasmette con questa sua condotta, insieme ad un profondo e disgustoso senso di disagio e fastidio, a livello epidermico, sarebbe di per se meritevole di un richiesta di risarcimento a parte.

Ma tant' è, stiamo pur sempre parlando di un italiota.
 
Perchè confondere l'onestà con i prezzi bassi? :)
Ah
Questi son fusibili venduti su Amazon
non penso li faranno in USA, o in UK, o in Francia.

Ci sono ottimi prodotti che vengono fatti in cina, sono state costruite molte aziende per abbassare il prezzo di vendita.

Ora.
cosa può far fallire un puntale?
 
Forse non hai letto tutto quello che ho scritto, o hai letto superficialmente.
L' Italiota, che ho messo (indignamente) a confronto con il cinese di AE, non mi ha venduto "puntali", mi ha venduto altro.

Ma nello spirito di condivisione delle esperienze, del quale anche io ho tante volte beneficiato, descriverò, a scanso di ulteriori equivoci, la vicenda nel dettaglio.

Sabato faccio ricerca su IBBEI da loggato (non dovro' piu' farlo! E non lo fate!) di un prodotto per proteggere il pavimento di gres porcellanato del garagione, 150 mq e passa di mattonelle.
Vengo contattato, entro pochi minuti, da un venditore a mezzo mail, che avrà ricevuto qualche notifica del fatto che ho visitato il suo negozio IBBEI per quel prodotto, e me lo offre con uno sconto a tempo.
Accetto l' offerta e ne compro 3 flaconi (ognuno a 50 euro) per una resa di 150 mq.
Il tipo mi invia un altro prodotto, della stessa marca ma di altra serie, che mediamente viene venduto tra i 30 e i 40 euro, con una resa molto minore, che non mi basterebbe per i miei scopi.
Ho fatto richiesta di reso per "prodotto non conforme\diverso da quello che ho ordinato", con tanto di foto annesse, ma questo micragnoso italiota (che ha pure molte transazioni con il 100% di feed+) fa a tutt' oggi finta di nulla.
Le vie del Signore sono infinite, ma quelle per arrivare a questo miserabile sign(i)ore sono ben finite e determinate, e l' alternativa alla mediazione bonaria della piattaforma di E Commerce, sono le stanze della Giustizia Ordinaria, per competenza nel luogo della mia residenza.
Gli faccio fare una estate napoletana, cosi' potrà fare un giro dei monumenti ai tipici prezzi scontati estivi.

Ritornando ai puntali.
Non li compro per la prima volta da questo venditore, perché ne avevo preso qualche bustina "campione" in passato, e sono ottimi, come ottima è la pinza crimpatrice "esagonale" che crimpa fino a 16mmq di cavo, che ho sempre comprato su Aliexpress.
Sinceramente non conosco nemmeno altri puntali "di marca", perché nemmeno mai li ho cercati, sono andato direttamente dai mie cari "spacciatori" cinesi di AliExpress, che tante soddisfazioni mi stanno dando attraverso la "via della seta", ed è stata la scelta piu' giusta.

Ah, mi sono i arrivati oggi pure i rele', bellissimi, magari faccio test questo UicEnd e condivido il risultato.
Messaggio doppio unito:

non penso li faranno in USA, o in UK, o in Francia.
Sembri elettricamente dotto, un elettrodotto diciamo, quindi penso che sei ben capace di fare, cortesemente, una fotina del processore del tuo PC, vorrei sapere se lo fanno in "USA, in UK, o in Francia".
 
Ultima modifica:
Rele' arrivati, sempre da ALIEXPRESS, ne parlavo QUI:


rele-earu.jpg


BelliZZimi!
 
Crimpatrice per puntali elettrici, misure 0,08/16 mmq
A crimpatura esagonale, crimpa il puntale su 6 lati a formare un esagono perfetto, diversa da quella venduta da Parkside, che pure ho, che crimpa solo su 4 lati a formare un quadrato.
L' ho acquistata perché la Parkside (che pure funge bene) arriva fino a 6mmq, ma a me serve soprattutto di crimpare i fili da 10 mmq per come ho dimensionato l' impianto del garage.
Questo modello NON HA la ghiera di regolazione della forza (o dello "sforzo") che bisogna applicare per crimpare i puntali (sulla Parkside c' è, ma le diverse regolazioni non cambiano di molto l' utilizzo dell' oggetto), e devo dire che dai 10 mmq in su ci vuole una bella manona per stringere bene.
Pero' su AE vendono anche il modello con ghiera, sempre fino a 16mmq.
Pagata 19 euro con una scatola di puntalini a "campione", che arrivano fino a 6 mmq, di colore giallo.
Funziona bene ed è abbastanza robusta.
Bisogna tenerla costantemente lubrificata\ingrassata.

AE-crimpatrice-copia.jpg
 
AE mi sono trovato bene da anni e ultimamente sono anche migliorati molti con i tempi, 10/15 giorni
 
Sono lontanissimi i tempi in cui ci volevano mesi per fare arrivare oggetti dalla Cina, e non era nemmeno sicuro che arrivassero.
Agli inizi degli anni 2000, su CHL (piattaforma poi fallita) acquistai dalla Cina delle memorie SIMM per il mio glorioso Pentium 150 Mhz (ancora funzionante ma in garage) dopo 3 mesi nessuna traccia delle memorie.
Feci contestazione e il venditore cinese mi rimborso' scusandosi.
Dopo qualche giorno arrivarono le SIMM, e fu subito amore da parte mia, per la Cina e i cinesi.
Oggi le spedizioni su AE vengono tracciate dalla Cina al nostro recapito in Italia, e se ci sono ritardi ti riconoscono uno coupon di "scuse".
 
in cina minimo 12 ore al giorno 6 giorni su 7 . straordinari quasi mai retribuiti. parlate con qualche cinese........................ecco la .cina competitiva
 
...si e poi mangiano cani e gatti e abbandonano i bambini per strada appena nati.
Poi vai su TikkeTokke e vedi che i cinesi costruiscono i piu' grandiosi ponti del mondo, i treni piu' veloci, le città piu' belle...e sono bravissimi addestratori di cani e amanti dei gatti, e i bambini cinesi stanno nel seggiolone e non nella padella.
Svegliaaaa!!! Levati la mascherina che la PandeLoro è finita!

E in ogni caso, tra il lavoratore cinese sfruttato e l' italiota viziato, io preferisco stendere una mano verso il cinese, che se la stendo verso l' italiota ci sputacchia pure sopra.
 
Nulla da dire contro la Cina, non conosco e non critico, in compenso conosco chi compra con soddisfazione ricambi Mercedes proprio su Ai. Detto questo ti prego smettila con questo italiota del xxxx, se proprio l'italiano e l'italia ti stanno su i maxxxi puoi andare in Cina.
 
Magari andare in Cina, Il problema è che i cinesi non ci vogliono nemmeno, non gli serviamo e nemmeno vogliono "contaminare" il loro modo di essere con le nostre brutture occidentali.
In ogni caso, non è ignorando il fatto che ci sono paesi in Oriente che stanno Parsec Luce davanti a noi, che possiamo migliorare noi stessi.

Ritornando IT col 3D, un altro acquisto su AE: multimetro digitale Habotest mod. HT124B+.

Non ricordo il prezzo, ma meno di 15 euro e spedizione gratuita...a memoria, lo trovate facilmente con la sigla che ho indicato sopra.

Ne esistono altri modelli, anche con schermi piu' belli, ma molti hanno la batteria incorporata che si carica a mezzo di presa USB e io li ho evitati, perché se si rompe quella poi è difficile trovarne un' altra in sostituzione, anche se non impossibile.
In ogni caso, questo ha due normalissime microstilo.

Ne ho fatto due foto, perché il flash del cellulare non rendeva merito al bellissimo schermo di questo multimetro:

multimetro-AE1.jpg
multimetro-AE2.jpg
 
Magari andare in Cina, Il problema è che i cinesi non ci vogliono nemmeno, non gli serviamo e nemmeno vogliono "contaminare" il loro modo di essere con le nostre brutture occidentali.
Però i cinesi vengono qui. Evidentemente, tutte queste brutture, le vedi solo tu. Io sono italiano e amo l'Italia.
 
Ogni popolo ha sempre avuto i suoi reietti e diseredati, costretti ad emigrare altrove per scappare dalla Miseria e dalla Giustizia, che li perseguitavano nei loro paesi di origine.
Ma anche in questo i cinesi si sono distinti.
I primi emigranti italiani verso gli USA o in Germania o altrove, sono partiti con valigie di cartone, vestiti logori, senza scarpe e con i pidocchi in testa, e da immigrati, nei paesi che li hanno ospitati, hanno vissuto spesso nell' anonimato e nella delinquenza.
I primi "emigranti" cinesi in Italia, ma penso anche in altri parti dell' Occidente, sono partiti con valigie piene di denaro contante, e hanno creato delle aziende, a volte rilevando attività in Italia sull' orlo del fallimento.

Ritornando IT col 3D, sempre considerando che siamo in una sezione OFF TOPIC dove, per definizione, non si dovrebbe mai essere OT, NON posso NON menzionare ancora la mascherine autoscuranti, per il restauro del mio "storico" elmetto da saldatore, altra esperienza di acquisto su ALIEXPRESS veramente commovente, alla quale ho dedicato un 3D tutto suo, poiché meritevole.
 
Altro acquisto "piccola spesa-grande resa" su ALIEXPRESS.

Sonda endoscopica, che si collega allo smartphone e fa fotografie e video di interni "visceralmente" inaccessibili ad occhio umano.
In dotazione, oltre alla sonda, anche un kit di adattatori USB di tutte le misure, per garantire che sia compatibile con gli attacchi di ogni smartphone.
In figura non ci sono tutti i connettori, perché alcuni mi sono serviti per altri scopi.
Tutto questo ben di Buddha, per poco piu' di 5 euro.

Sonda-AE1.jpg


Ora un piccolo quiZZ senza premi.
Nelle foto di seguito due scatti effettuati con questa sonda endoscopica:

Sonda-AE2.jpg


Sonda-AE-2.jpg


Alcuni indizi:
- E' una cavità con ingresso circolare;
- E' un qualcosa che su questo forum abbiamo tutti, o almeno voglio sperare che sia cosi';
- Da questa cavità esce aria.

Di cosa si tratta?
 
Sembri elettricamente dotto, un elettrodotto diciamo, quindi penso che sei ben capace di fare, cortesemente, una fotina del processore del tuo PC, vorrei sapere se lo fanno in "USA, in UK, o in Francia".
Con il dovuto rispetto... fossi matto! Rifare la pasta termica dopo sole sue settimane? non mi sembra il caso.

Però non è difficile trovare foto di processori in giro...
1717844429582.png

i5 4670, architetetura Haswell, seconda metà del 2013. Malesia.
Ultima serie di processori dove intel riportava sul metallo usato per la dissipazione (IHS) la nazione di origine.
https://www.intel.com/content/www/u...0055716/processors/intel-xeon-processors.html
https://www.intel.com/content/www/us/en/support/articles/000059610/memory-and-storage.html
dopo è diventato lo standard... dover domandare.

E non è comodo, almeno per Intel che i processori se li fa(faceva, in realtà) in casa, visto che tra presente e passato... non sono esattamente un pugno
https://en.wikipedia.org/wiki/List_of_Intel_manufacturing_sites
Oggettivamente era abbastanza semplice inciderlo laser insieme al resto, eppure...

Per AMD so che non funziona così: ad inizio 2009 AMD ha "scisso" la produzione di semiconduttori da sè, creando la società Global Foundries.
https://it.wikipedia.org/wiki/GlobalFoundries
che non è manco piccolina, nonostante tutto; sino al 2018 il marchio di Sunnyvale si riforniva dalle sue "vecchie fonderie", mentre ora la produzione AMD è completamente realizzata da TSMC, azienda di Taiwan. Secondo gli abitandi dell'isola, in Repubblica di Cina (e non la PRC osannata dal buon Kekkoku).

Preferisco driblare la valutazione sulla mia competenza elettrica, ma resta la domanda: cosa può far fallire un puntale elettrico? Quali sono le caratteristiche che differenziano un puntale a norma da uno che può essere rischioso usare?

Sulla PRC... ripeto quanto scritto altrove: è una nazione ostinata e pragmatica. Conquisterà il mondo? Potenzialmente sì, ha una importantissima influenza internazionale, ha usato la forza economica acquisita negli ultimi 50 anni per comprare cose a destra ed a manca nel mondo (ci sono molti video interessanti su un canale Youtube chiamato Nova Lectio) ed è molto popolosa e nonostante le "scaramucce" degli ultimi anni con l'estero, tutt'altro che arretrata tecnologicamente.
Però vorrei ricordarvi che tanto in PRC quanto in italia l'industria del tarocco (falso) è fiorente... E se trovate al mercato una borsa piquadro nuova a 40 euro non è detto che sia veramente un prodotto dell'azienda di Gaggio Montano (che ovviamente esternalizza tutta la produzione che ha, applicando un controllo qualità pre-consegna alle vendite molto rigoroso, stando a quanto raccontano).
 
Ah, allora non l' hanno fatto nè in USA, nè in UK nè in Francia...chissà perché!?

Svela l' arcano e dicci cosa può far fallire i miei puntalini elettrici cinesi (sempre che ne esistano altri costruiti da qualche altra parte del mondo) sul quale ormai hai puntato i tuoi influssi nefasti.

Se lo vuoi sapere già mi hai colpito.
I rele' sono arrivati, li ho provati e funzionano benissimo tutti, e sono anche molto silenziosi, ma se guardi la foto sopra ne è arrivato uno con la scritta di colore diverso, che è un pugno nell' occhio a guardarlo nel quadretto.
Ho subito pensato "qualcuno me l' ha menato....il gramo!" e indovina a chi ho pensato?
Messaggio doppio unito:

Però vorrei ricordarvi che tanto in PRC quanto in italia l'industria del tarocco (falso) è fiorente... E se trovate al mercato una borsa piquadro nuova a 40 euro non è detto che sia veramente un prodotto dell'azienda di Gaggio Montano (che ovviamente esternalizza tutta la produzione che ha, applicando un controllo qualità pre-consegna alle vendite molto rigoroso, stando a quanto raccontano).

Cioè...vuoi paragonare il "tarocco" che fanno a Forcella (che ben conosco) delle borsettine griffate, con quello dei prodotti di alta tecnologia?

I cinesi non taroccano niente!

Hanno strutture e KnowHow perché tutto il mondo produce in Cina ogni tipo di oggetto tecnologicamente avanzato e poi ci mettono il marchio occidentale.
E' solo che poi i cinesi ad un certo punto hanno pensato " ma perché devo produrre questo oggetto a 1 centesimo per poi farlo rivendere in Occidente a 1euro/1 dollaro, solo perché ci mettono una etichetta di carta di una azienda occidentale?"
Allora, avendo struttura e conoscenza, stanno vendendo gli stessi oggetti che costruiscono su commissione per le aziende occidentali, con i loro marchi, a 50 centesimi, in ossequio alla consolidata legge di MacroEconomia Globale secondo cui "Piatto ricco mi ci ficco".
 
Ultima modifica:
Ah, allora non l' hanno fatto nè in USA, nè in UK nè in Francia...chissà perché!?
Fai la domanda subodorando la risposta, ma secondo me dimenticando... un po' di cose.

Non li han fatti in quella parte di mondo per ridurre i costi di produzione, aprofittando delle diverse spese di personale e di una economia in ciclopica espansione. Ci sono decine di migliaia di aziende che han delocalizzato la produzione in nazioni diverse dalla propria, ma in ogni caso per i semiconduttori la cosa è cambiata parecchio... negli anni 80-90. Dove il giappone ha preso l'industria statunitense e l'ha spaccata a metà proponendo prodotti non solo a costo inferiore, ma con un tasso di difettosità ed un livello di miniaturizzazione che hanno letteralmente cancellato la produzione industriale USA, sterminando tra le altre cose anche le industrie metallurgiche.
Lo spezzone proviene da Ritorno al futuro parte III, rilasciato al pubblico nel 1990 ma in realtà realizzato contemporaneamente a Ritorno al Futuro parte II, rilasciato nel 1989 e sceneggiato dopo l'uscita del primo capitolo, 1985.

In pochi anni il giappone ha poi preso in mano un'altra industria "fondamentale"... quella dei display.
Gli stati uniti sono stati la patria del tubo catodico, ma gli LCD e il loro ridottissimo spessore sono stati sempre un enorme trip dei giapponesi: nel 1989 arriva sul mercato un piccolo display monocromatico rivoluzoinario, per l'epoca, grazie al super twisted nematics ed è arrivato in mano ad un botto di persone... Il display del Game Boy.
Che usava un processore Sharp, che altri non era che un clone appositamente malfatto di uno Z80, così realizzato per non incorrere in problemi di royalties con Zylog.
Per chi ha voglia di studiare la storia di dispositivi elettronici consumer, cercate Intel, Zylog e Synaptics. Guardate cosa hanno in comune queste tre aziende...

Quando i tassi di redditività dei semiconduttori sono crollati per poter combattere i prezzi giapponesi (prima che cinesi), l'industria dei semiconduttori s'è pian piano scissa in più sezioni, in base al tier di innovazione e quindi redditività. E quando anche il giappone ha smesso di crescere, altre nazioni del sudest asiatico pian piano hanno "accolto" la possibilità di avviare aziende... anche estremamente inquinanti, perchè per decenni tali sono state quelle di produzione di elettronica di consumo.

Ora infatti il giappone per i display è praticamente fuori mercato: in alto di gamma, il faro è la corea del sud, con la PRC che sta provando di rincorrere e guadagnare sia livello tecnologico che diffusione sul mercato, anche grazie a due o tre marchi cinesi che cercano di scollarsi di dosso la fama tipica di alcuni prodotti cinesi...
Scrivo alcuni perchè non è che in cina fanno solo "cinesate".
https://lnx.ilpuntomanutenzione.it/...omi-e-altri-cinesoni.6922/page-26#post-290295

Rinnovo la domanda a cui tu non vuoi rispondere: cosa può far fallire un puntale elettrico? Quali sono le caratteristiche che differenziano un puntale a norma da uno che può essere rischioso usare?
 
Indietro
Alto Basso